VIAGGI SPORT VACANZE

Viaggi, aerei, alberghi, arte, sport, cicli e motocicli

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Turismo ITINERARI Il Reichstag - La cupola del Reichstag

Il Reichstag - La cupola del Reichstag

Article Index
Il Reichstag
Progetto e costruzione
Storia
Norman Foster
Deutscher Bundestag
La cupola
Orari
All Pages

La cupola del Reichstag

Oggi il Reichstag, con la sua grande cupola di vetro, rappresenta un'attrazione per i turisti in transito dalla città sulla Spree, anche per la vista di cui si gode dall'ampia terrazza. L'accesso tramite uno dei due ascensori a disposizione e dalla rampa lunga 230 metri, porta alla piattaforma panoramica di 40 metri di altezza, nella parte superiore della cupola e al ristorante che si trova ad una altezza di 30 metri da terra. Da qui si apre una vista a 360° su Berlino. Anche per questo spettacolo di notevole effetto, ogni anno circa tre milioni di persone visitano il Bundestag.

La cupola è aperta alla sua base e in cima e sembra perciò una guaina sospesa. La sua sommità si trova a 54 metri di altezza rispetto alla strada

Dalla base della cupola si può scorgere l’interno dell’Aula Plenaria. Ne fa parte l’imponente colonna ad imbuto, detta anche proboscide, che si allunga dalla cupola all’Aula. I suoi 360 specchi deviano senza abbagliare la luce del giorno nell’emiciclo in modo da ridurre al minimo il consumo di elettricità per illuminare il plenum.

La “proboscide”, attraverso l’apertura superiore della cupola, trasferisce verso l’esterno l’aria viziata dell’Aula. L'aria pulita filtra attraverso la moquette, alla dovuta temperatura e umidità, con basso impiego d’energia, grazie a presistenti canaline, ora passanti anche sotto l’Aula Plenaria.

Nell’imbuto-proboscide distributore di luce ed evacuatore d’aria viziata è nascosto anche un impianto di recupero del calore, che sottrae all’aria già utilizzata il calore residuo, ancora utilizzabile per il riscaldamento dell’edificio.

Last but not list, l’impianto fotovoltaico, di più di 300 metri quadrati di grandezza, sul lato Sud del tetto del Reichstag, è una fonte di elettricità priva di emissioni. Secondo il principio della cogenerazione, il calore formatosi durante la produzione di elettricità viene sfruttato per riscaldare e raffreddare gli edifici. Complessivamente le centrali forniscono così l’80% del fabbisogno energetico. Non solo. Il calore da cogenerazione può essere accumulato in un condizionatore ad assorbimento per la produzione di aria fredda, oppure in estate in forma di acqua calda in un serbatoio naturale, posto in una falda sotterranea a 300 metri di profondità per essere sfruttato poi in inverno. Un serbatoio di acqua a circa 60 metri di profondità serve al deposito del freddo ottenuto con l’aria invernale. Quest’acqua sotterranea si utilizza in estate per raffreddare gli edifici.

In questo modo il Reichstag è diventato anche un simbolo per la tutela dell'Ambiente e della forte propensione dimostrata dal popolo tedesco a condurre uno stile di vita eco-compatibile.



 

Siti
Booking.com

«Sulla Punta Della Lingua»
Renato Corpaci | Photo

ItaliaLibriNET
La locuzione di Anassimandro
Appartamento a Cervinia
Meteo Trivigno
B&B Boschi Grandi
Affitti Case vacanze e appartamenti Mondo
Affitti case vacanze e appartamenti nel Mondo. Contatto diretto con il proprietario per vacanze al mare, in montagna, in città o in agriturismo a prezzi economici