VIAGGI SPORT VACANZE

Viaggi, aerei, alberghi, arte, sport, cicli e motocicli

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ravenna

Article Index
Ravenna
Cenni storici
Mausoleo di Galla Placidia
Basilica di San Vitale
S.Apollinare in Classe
Architettura Religiosa
Architettura civile
Mausoleo di Teodorico
Sant’Apollinare Nuovo
Battistero Neoniano
Tomba di Dante
Santa Agata Maggiore
Le dune
All Pages

Piazza del Popolo

Storicamente si tratta della città più importante della Romagna. In dialetto romagnolo si chiama Ravenã. Il patrono è Sant’Apollinare che si festeggia il 23 di luglio. Il territorio comunale è molto esteso, sembra che per estensione sia il secondo dopo Roma. Il centro città dista 8 Km dal mare, le sue propaggini però si affacciano direttamente sull’Adriatico, le località sono Marina di Ravenna, Punta Marina Terme, Lido Adriano, Lido di Savio, Lido di Classe e Lido di Dante. In passato Ravenna è stata tre volte capitale: 402-476 dell'Impero Romano d’Occidente; 493-553 del Regno degli Ostrogoti; 568-751 dell'Esarcato Bizantino (testo e foto di Cristina Risciglione e Renato Corpaci).

Grazie al suo glorioso passato, Ravenna è una delle poche città al mondo che possa vantare ben otto monumenti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

- Mausoleo di Galla Placidia (prima metà del IV secolo)
- Battistero Neoniano (430 circa)
- Cappella Arcivescovile (500 circa)
- Basilica di Sant’Apollinare Nuovo (inizio del VI secolo)
- Mausoleo di Teodorico (520 circa)
- Battistero degli Ariani (prima metà del VI secolo)
- Basilica di San Vitale (prima metà del VI secolo)
- Basilica di Sant’Apollinare in Classe (è stata consacrata nel 547)

Colonna di S. VitaleFin dalla preistoria il tratto della Val Padana su cui sorse Ravenna fu caratterizzato da frequenti esondazioni dei brevi fiumi ad andamento torrentizio che scendono dall’Appennino verso il mare Adriatico. In seguito qui si formò una ampia zona lagunare che prese il nome di Valle Padusa.

I primi insediamenti della zona si formarono ad opera di Etruschi ed Umbri, successivamente seguiti dai Galli Senoni. L’abitato dei villaggi era costituito da costruzioni generalmente erette su palafitte, sparse su una serie di piccole isole situate all’interno della Valle Padusa. Caratteristica peculiare della Ravenna dei tempi antichi fu proprio quella di essere circondata dall’acqua e di essere accessibile solo dal mare.

Questa particolarità non sfuggì ai Romani. L’imperatore Cesare Ottaviano Augusto vi dislocò la flotta militare dell’Alto Adriatico e fece eseguire importanti lavori di sistemazione idraulica: fece scavare la Fossa Augustea, un canale che collegava il Po con l’ampio specchio di acqua a Sud di Ravenna e qui fondò il Porto di Classe. L'infrastruttura fu realizzato con i criteri riservati alla realizzazione di una poderosa macchina militare. Di conseguenza, in periodo imperiale la città divenne molto importante. Ben presto, il porto militare divenne anche porto commerciale, con traffici mercantili che si estendevano verso tutto il Mediterraneo.

Acquisti al mercatino domenicaleLa crisi dell'Impero premeva ineluttabile e nel 402 l’imperatore Onofrio, per sfuggire alle minacce di Alarico, trasferì da Milano a Ravenna la residenza imperiale.

A Ravenna si giocavano ormai le sorti dell’Impero d’Occidente e nel 476 venne deposto anche l’ultimo imperatore, Romolo Augusto, per mano di Odoacre, re degli Eruli. Il Regno di Odoacre ebbe però vita brevissima ed il Re dei Goti Teodorico, finì per rivendicare il controllo della città nel 493.



 

Siti
Booking.com

«Sulla Punta Della Lingua»
Renato Corpaci | Photo

ItaliaLibriNET
La locuzione di Anassimandro
Appartamento a Cervinia
Meteo Trivigno
B&B Boschi Grandi
Affitti Case vacanze e appartamenti Mondo
Affitti case vacanze e appartamenti nel Mondo. Contatto diretto con il proprietario per vacanze al mare, in montagna, in città o in agriturismo a prezzi economici