VIAGGI SPORT VACANZE

Viaggi, aerei, alberghi, arte, sport, cicli e motocicli

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Motociclismo Grand Tour Camino de Santiago - Verso Finisterre

Camino de Santiago - Verso Finisterre

Article Index
Camino de Santiago
Biot
Camargue
Toulouse
Lourdes
Verso Pamplona
Pamplona
Verso Ponferrada
Santiago
Verso Finisterre
All Pages

 

Eccoci a un passo dal completamento della prima fase del nostro lungo viaggio verso il paese dei Lusitani. Stiamo percorrendo gli ultimi chilometri della strada che da Santiago porta a Cabo Finisterre, reale termine del Camino de Santiago di Compostela. La strada si snoda nella boscaglia e, nei tratti esposti, il vento atlantico che soffia da Nordovest ci costringe e progredire un po' piegati sul lato destro.

I pellegrini portano a termine questo percorso, mistico, religioso e introspettivo a piedi con tappe di circa 20 km al giorno. Santiago è dove la tradizione cattolica ha posto il termine del percorso religioso. La prosecuzione del viaggio fino al Capo è perciò un'attività riservata agli irriducibili, a quelli per cui il viaggio rappresenta una fiamma che arde inestinguibile.

Come per la maggior parte dei viaggiatori che incontriamo per strada, come per tutti quelli che, prima di noi hanno calcato queste tracce, il raggiungimento di un ultimo, nudo lembo di roccia proteso nell'Atlantico, anche per noi risponde più che altro a un'esigenza interiore, il completamento di una faccenda lasciata in sospeso per troppo tempo, la cui conclusione sembra però ora a portata di mano.

Da Santiago verso Finisterre percorriamo una strada interna. Dopo qualche chilometro ci si presenta un paesaggio spettrale, ciò che rimane della rigogliosa macchia marittima quando si è appena estinto il rogo di un incendio.

Più avanti ci vengono incontro le prime scogliere a picco sul mare e le località di villeggiatura lungo la costa, il mare della Gallizia, l'Oceano. Spiagge bianche, acqua azzurra e un vento costante che rimescola continuamente i bianchi cumuli atlantici all'orizzonte.

Si riuscirà mai ad arrivare?

Come ad Achille, nel paradosso di Zenone di Elea, così anche a noi sarà precluso di raggiungere davvero Cabo Finisterre, perché anche questa, come tutte le destinazioni che posseggono una forte valenza simbolica, rimane una meta irraggiungibile e la nostra corsa, condotta a piccole o lunghe progressioni successive, passi, passettini o frazioni di passo, si arresterà di fronte alla porta dell'edificio che ospita gli uffici della Capitaneria, a guardia del Faro de Finisterre.

Intorno a noi sostano, attoniti, altri viaggiatori: sono arrivati qui, chi in automobile, chi in camper, chi con il torpedone, chi con lo scooter, chi in moto, chi in bicicletta e chi, una sparuta truppa di eroici sopravvissuti, a piedi. Tornati dunque indietro di qualche metro incontriamo due ragazzi di Milano, con un'Africa Twin modificata, con serbatoi supplementari, che ci raccontano di aver sentito che in Portogallo si sono sviluppati diversi incendi boschivi, di stare in guardia. Loro punteranno su Barcellona, dove li attende un imbarco sulla nave.

Dopo aver visitato il faro ci rimettiamo dunque in sella. Dopo 2000 chilometri e dieci giorni di cammino verso Occidente, questa volta puntiamo decisamente verso il Sole, in direzione del paese che in passato fu dominio delle nobili dinastie di Borgogna, d'Aviz e di Braganza, un territorio lunga circa 600 km e larga 150/200 km che dai rilievi della Meseta spagnola scende fino alla costa atlantica,  e che oggi fieramente si onora di presentarsi come Repubblica del Portogallo...!

Share/Save/Bookmark


 

Siti
Booking.com

«Sulla Punta Della Lingua»
Renato Corpaci | Photo

ItaliaLibriNET
La locuzione di Anassimandro
Appartamento a Cervinia
Meteo Trivigno
B&B Boschi Grandi
Affitti Case vacanze e appartamenti Mondo
Affitti case vacanze e appartamenti nel Mondo. Contatto diretto con il proprietario per vacanze al mare, in montagna, in città o in agriturismo a prezzi economici