VIAGGI SPORT VACANZE

Viaggi, aerei, alberghi, arte, sport, cicli e motocicli

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Eventi Adieau a Garlan

Adieau a Garlan

L’ultimo giorno, a conclusione della nostra esperienza nel Delta del Rodano, abbiamo avuto il privilegio di assistere a un’autentica festa camarguese che ha coinvolto in primo luogo la cittadinanza di Saintes Maries de la Mer, la popolazione del Delta e tutti gli appassionati di course camarguaise tra Montpellier e Marsiglia.


Photo © 2015 Cristina Risciglione - Tutti i diritti riservati
Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati
Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati
Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati
Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati
Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati
Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati
Photo © 2015 Renato Corpaci - Tutti i diritti riservati

Quest’anno infatti, l’atmosfera al Festival d’Abrivado è stata, se possibile, ancora emozionalmente più intensa a causa del concomitante “Adieu a Garlan”, ovvero i festeggiamenti per la fine della “carriera” di un “cocardier”, un toro straordinario, incoronato, tra gli altri riconoscimenti, Biòu d’Or consecutivamente nel 2011, 2012 e 2014.

La tradizione vuole che i tori di razza Camargue, dopo i primi quattro anni passati indisturbati al pascolo, siano avviati alla “course camarguese”, una prova di coraggio in cui audaci vestiti di bianco – definiti “raseteur ” – particolarmente veloci e agili, si cimentano cercando di sfilare nastri (glands), una piccola coccarda (coccarde) e due cordicelle (ficelle) definiti “attributs primé” dalle corna del toro. I tori più versati diventano gli idoli degli appassionati e ogni anno il migliore viene incoronato Biòu d’Or , toro d’oro.

La festa è cominciata di prima mattina alla Manade des Baumelles con il “tri”, l’operazione che viene condotta da un gruppo scelto di manadier per isolare i tori scelti per la course dalla manade, la mandria in cui si trovano.

Dopo un gustoso rinfresco offerto dai proprietari, Joël, Sylvie e Guillaume Linsolas, i festeggiamenti sono proseguiti a Saintes Maries de la Mer, dove i guardian della fattoria hanno organizzato tre abrivado di fronte all’Arena del villaggio.

Il culmine dell’emozione è stato raggiunto nell’Arena stessa, dove l’amministrazione ha organizzato una cerimonia d’addio in pompa magna, arricchita da una complicata coreografia eseguita da signore in costume tradizionale, raseteur e guardian, raccolti intorno al centro della pista. Joël Linsolas, il felice proprietario del campione, ascoltando le parole di elogio pronunciate dal sindaco e di fronte alla standing ovation tributatagli dai suoi concittadini, non ha saputo trattenere le lacrime.

Tra l’esibizione di un toro e l’altra, un momento di magia. Un gabbiano, un esemplare imponente, entra nell’arena in volo e, tra lo scalpore generale, ne effettua due completi giri della circonferenza, prima di allontanarsi verso il mare. Ripresa la course, l’overture della “Cavalcata delle Valchirie” annuncia l’apparizione di Garlan che scende nell’arena per la sua ultima apparizione, tra gli applausi.

Anche il profano può accorgersi di essere al cospetto di un esemplare straordinario. Elegante, possente, pacato... Garlan non corre a destra e a manca, non si affanna: attende al bordo dell’arena con il sole in posizione favorevole che un raseteur osi intraprendere un’operazione diversiva o si arrischi a puntare a quella esigua superficie tra le sue corna in cui è posta la coccarda. Allora parte fulmineo con tutto l’impeto dei suoi 350 chili di muscoli a intercettare il malcapitato che se la cava con un bello spavento. Il campione non infierisce, si limita a ribadire la propria supremazia.

A fine esibizione, il pubblico si alza commosso ad applaudire Garlan le mythe e a gridare, tra lacrime di vera commozione «Merci Garlan, merci maître. Adieu...!».

Share/Save/Bookmark
 

Siti
Booking.com

«Sulla Punta Della Lingua»
Renato Corpaci | Photo

ItaliaLibriNET
La locuzione di Anassimandro
Appartamento a Cervinia
Meteo Trivigno
B&B Boschi Grandi
Affitti Case vacanze e appartamenti Mondo
Affitti case vacanze e appartamenti nel Mondo. Contatto diretto con il proprietario per vacanze al mare, in montagna, in città o in agriturismo a prezzi economici